fbpx

Scopri perché è importante fare l’autolettura imparando ad usarlo e conoscere le sigle sulla tua bolletta.

Te lo ricordi ancora il caro vecchio contatore meccanico?

Non il nuovo contatore elettrico che abbiamo ormai in quasi tutte le abitazioni.

Ma quello con il disco in alluminio che continuava a girare in continuazione in base alla quantità di elettricità consumata e un piccolo display con i Kilowatt.

Non potevi sbagliarti perché c’era soltanto quella cifra sul contatore.

Poi con l’avvento del contatore elettrico, tutto è cambiato.

Un’infinità di sigle, un pulsante da premere e una serie di informazioni da sapere ma che pochi ancora sanno leggere.

Spesso infatti abbiamo delle richieste d’aiuto, da parte dei nostri clienti, per imparare a leggere tutte le informazioni e i consumi contenuti nel contatore della luce.

Così ho pensato di dire 2 parole a riguardo, magari spiegando anche qualcuna delle innumerevoli sigle che si trovano in bolletta, come le fasce orarie ad esempio.

Sono sempre più convinto che per difendersi dalle truffe o da chi ci inganna con contratti fasulli, sia necessario prendere piena coscienza dei propri costi e addentrarci sempre di più nel mondo dell’energia.

Le informazioni che puoi trovare nel tuo contatore della luce

Sì, lo so quello che stai pensando, i contatori della luce sono ormai quasi tutti elettronici e consentono la telelettura a distanza, quindi a che serve imparare?

Beh, non tutte le compagnie in teoria danno questo servizio, e anche in caso contrario, è sempre bene avere il pieno controllo sui tuoi consumi e di conseguenza saperli leggere dal tuo contatore della luce, è fondamentale.

E cosa più importante tenere a bada gli sprechi al fine di evitare SPIACEVOLI sorprese in bolletta.

Fatta questa premessa, andiamo a vedere il nostro contatore della luce più da vicino.

Innanzitutto abbiamo un unico display elettronico con un pulsante a fianco.

Premendolo più volte avremo a disposizione informazioni molto importanti quali:

  • Il nostro numero cliente di 9 cifre;
  • Premendo una seconda volta, ti viene mostrata la fascia oraria in atto;
  • La potenza istantanea che indica i consumi della tua linea in tempo reale;
  • La lettura dei consumi nelle 3 fasce orarie e la potenza totale nel periodo di fatturazione attuale;
  • La lettura dei consumi e la potenza del periodo di fatturazione precedente;
  • La data e l’ora attuale.

Sotto al contatore della luce troveremo inoltre la classica leva nera che serve per attivare o spegnere il contatore della luce, la stessa che si disattiva in automatico quando superiamo la potenza di circa 3kW scelta, o quando salta a causa di un qualche malfunzionamento.

Un’altra cosa interessante è il fatto che attraverso la lettura della potenza istantanea, possiamo conoscere quanto consuma un determinato elettrodomestico, attivandolo e disattivandolo, aspettando poi i 2 minuti necessari perché il dato si aggiorni in tempo reale.

Fai inoltre attenzione alle luci rosse attive a fianco al display.

Queste luci dovrebbero essere accese nel caso di contatore attivo perché indicano il consumo di energia.

Se sono disattivate e ad esempio hai freezer, frigorifero o un qualsiasi elettrodomestico acceso, controlla subito che non ci sia qualche malfunzionamento.

Come comunicare l’autolettura?

Beh molto semplice, ci sono diversi modi per farlo.

Il primo e il più classico, è chiamando il numero verde della tua compagnia e comunicare la tua autolettura.

Il secondo (dipende dalla tua compagnia) è di accedere all’area clienti del sito inserendo mail e password.

Oppure puoi farlo direttamente dal tuo smartphone con l’app (se è disponibile) del tuo gestore.

Ti ricordo inoltre che se sei stanco del tuo attuale fornitore o semplicemente vorresti richiedere informazioni per scoprire se ci sono altre offerte più vantaggiose, puoi chiamarci allo 0280016524.

Avrai a tua disposizione uno dei nostri consulenti che ti darà tutte le informazioni che ti servono.

Ah dimenticavo, ho scritto un articolo su come chiudere o annullare un contratto di fornitura esercitando il diritto di recesso o ripensamento, senza impazzire nella giungla dei call center.

Le principali sigle da conoscere 

Voglio dedicare un piccolo paragrafo alle principali sigle che troverai in bolletta e sul tuo contatore della luce.

Partiamo innanzitutto dalle fasce orarie.

Le fasce orarie che troverai come abbiamo visto anche nel tuo contatore attraverso i consumi, sono sostanzialmente 3:

  • F1 Fascia oraria di punta che va dalle 8:00 di mattina alle

         19:00 dal lunedì al venerdì, festivi esclusi;

  • F2 Fascia intermedia che va dalle ore 7:00 alle ore 8:00 la

         mattina, dalle ore 19:00 alle ore 23:00 dal lunedì al

         venerdì e dalle ore 7:00 alle ore 23:00 il sabato, festività

         nazionali escluse;

  • F3 Fascia ore fuori punta che va dalle ore 00.00 alle ore 7.00

         e dalle ore 23.00 alle ore 24.00 dal lunedì al sabato, la

         domenica e festivi tutta la giornata.

Nel tuo contatore della luce troverai le sigle A1, A2 e A3 che corrispondono alle 3 fasce orarie citate sopra, del periodo di fatturazione attuale e di quello precedente.

Nota: per evitare confusione, A1-F1, A2-F2, A3-F3. 🙂

Un’altra sigla da conoscere è il

  • Il codice POD (Point of delivery) è l’abbreviazione dei punti di prelievo, ovvero è un numero identificativo che serve ad individuare il punto geografico sul territorio in cui l’energia elettrica viene prelevata dall’utente.

Puoi leggere il codice POD direttamente in alcuni modelli di contatore della luce, mentre in altri (ad esempio quello dell’Enel) troverai solo le ultime cifre a cui poi devi aggiungere il codice IT001E.

Se invece appartiene ad un’altra compagnia, avrai un codice di distribuzione diverso.

Tuttavia questa voce la puoi trovare comodamente nella tua bolletta di casa.

Se vuoi conoscerne altre come ad esempio il PPE, PCV, Tau e Uc, ho creato una piccola guida proprio per conoscere queste sigle così strane e spesso poco conosciute.

Puoi cliccare qui e scaricarla gratuitamente.

Conoscere e tenere a bada gli sprechi è il primo passo verso il risparmio

Lo dico spesso ai miei clienti ed è una cosa in cui credo molto.

Prima di parlare di risparmio, bisogna conoscere e analizzare i consumi in bolletta.

Bisogna saper leggere il proprio contatore della luce e conoscere le principali sigle.

Lo so, non facile e rappresenta una di quelle attività di cui potremo farne tranquillamente a meno.

Tuttavia lo ritengo una potente arma a nostra disposizione per difenderci da chi ci vuole ingannare parlandoci di consumi improbabili e risparmi impossibili.

Noi ad esempio abbiamo un team di professionisti che segue direttamente i propri clienti e sono sempre disponibili in caso di problemi in bolletta.

Ma se sei da solo e non hai assistenza diretta, e no, quella dei call center non lo è, o perlomeno non quella che intendiamo noi, è difficile stare al passo con tutte le insidie del mondo dell’energia.

Naturalmente se vuoi, puoi unirti a noi e ricevere una consulenza GRATUITA senza impegno, non ti chiederemo dati personali o altro, una semplice chiacchierata per capire come possiamo aiutarti.

Se ti va, chiamaci senza impegno allo 0280016524.